2. What is the intrinsic value of bitcoin ?

Many believe that bitcoin has no intrinsic value. Several people think that bitcoin are digital tokens for their own sake, with no real underlying.

Bitcoin are limited in their maximum number and there will be no more than 21 million, from this point of view they are similar to gold or other rare metals. However, some point out that gold in addition to having a value because it is rare also has real applications (eg. Jewelery and industrial applications) while with a bitcoin you cannot do anything practical, simply mine it or buy it, own it, and possibly resell it or send it to someone else.

Told in this way, it would actually seem that bitcoin is a simple digital precious object for its own sake to which value is attributed only as rare.

But from the perspective of looking at Bitcoin as an immutable database, rather than as a digital currency, it becomes immediately clear what the intrinsic value of bitcoin is:

Through bitcoin you can write access to the most secure blockchain in the world.

What do we mean by “safe”? A blockchain is all the more secure the stronger and stronger and guaranteed the immutability of its data.

From being able to write data on the Bitcoin blockchain we can imagine the most immediate use cases of the network itself that can come to mind:

  1. The blockchain as a notarial tool, example: Proof of existence of a digital document or other proofs based on timestamps.
  2. Creation of a scarce digital token and therefore of value (bitcoin as a digital substitute for gold), a sort of “store of value”.
  3. Use of the bitcoin token as a digital currency capable of functioning in the absence of intermediaries.

Points 2 and 3 are potentially questionable:

  1. Bitcoin has value as long as there are people who give it value, we do not have a guarantee in the strict sense deriving from its mere being scarce.
  2. Bitcoin as a currency is limited by the limit of 7 transactions per second and by the high cost of fees. (note: this limit may be exceeded in the future by the Lightning network)

Point 1 remains which is indisputably a real use of bitcoin. In this case of use it is possible to carry out proofs of the existence of documents: the blockchain as a notarial tool. Let’s see broadly how a proof of existence of a digital document using bitcoin can work.

It is not necessary to save an entire computer document (eg. a pdf) in the blockchain but it is sufficient to calculate a unique fingerprint (hash function) and attach this footprint in a bitcoin transaction. In computer science, there are functions that, given a certain digital content (eg a file), calculate a unique footprint. The same footprint can only have been generated from a single, precise file. Unlike the file which can be of any size, the footprint generated will always be a relatively small sequence of characters. Small enough to attach to a bitcoin transaction.

A typical Bitcoin transaction provides that bitcoin are sent from address A to address B, paying the miners’ network an F fee. This is the most trivial use case in which we have a simple transfer of value between two addresses. Two different people exchange bitcoin.

However, it is possible to “attach” a short text message to a transaction and the typical way to do this is by using the op_return field.

The situation in this case is that bitcoin are sent from address A to address B, paying the miners’ network a fee F, associating a small text message M to the transaction. In this case, addresses A and B probably belong to the same person. The transaction is aimed at writing the M message into the blockchain.

Message M will indicate the unique computer fingerprint of the file for which you want to prove existence.

The conservation of the document remains your responsibility, but you can prove that this document certainly existed at least from the date of the block (each block has a timestamp) in which the transaction with its imprint was included. Taking an example, this document could contain the description of your idea and the image of your logo “I, John Smith, invented this product with this logo …”. Using bitcoin, you could prove that you had already created that idea and that logo starting from the block date in which you included the file imprint!

You don’t have to send bitcoin to anyone to achieve this, you can make a transaction where you send an insignificant amount between two of your addresses and you only have to pay the correct fee to be included in a block.

The fee obviously must be substantial. Since the space on the blockchain is limited, it is disputed and a not small fee must be paid to be awarded the inclusion in one of the next blocks (if you enter a too small fee, after a while the transaction is rejected and you can try again).


The intrinsic value of bitcoin is that it is a token that allows write access to the most secure data blockchain in the world.

There are already services of this type, I recommend looking for “Proof of existence with bitcoin” with google. A website that already implements all this and performs this service in a user-friendly way is https://opentimestamps.org/

Of course, to date the success of bitcoin and the vast majority of its transactions are due to its purely speculative use (trading in exchanges by thousands of retail investors), and the notarial use of bitcoin represents a minority percentage of transactions, but this proportion does not mean that there is no real underlying!

The bitcoin do not have an underlying raw material, they are the raw material to write on the blockchain.


ITA – Qual è il valore intrinseco di bitcoin?

Molti credono che bitcoin non abbia valore intrinseco. Diverse persone pensano che i bitcoin siano dei token digitali fine a se stessi, privi di un sottostante reale o che non servano a nulla a parte poter essere scambiati.

I bitcoin sono limitati nel loro numero massimo e non ne esisteranno più di 21 milioni, da questo punto di vista sono simili all’oro o ad altri metalli rari. Tuttavia alcuni fanno notare che l’oro oltre ad avere un valore perché raro ha anche delle applicazioni reali (es. gioielli e applicazioni industriali) mentre con un bitcoin non puoi farci nulla di pratico, puoi semplicemente minarlo o compralo, possederlo, ed eventualmente rivenderlo od inviarlo ad qualcun’altro.

Raccontata in questo modo effettivamente sembrerebbe che bitcoin sia un semplice oggetto prezioso digitale fine a se stesso a cui viene attribuito valore soltanto in quanto raro.

Ma nell’ottica di guardare a Bitcoin come ad un database immutabile, invece che come ad una valuta digitale, diventa invece subito chiaro quale sia il valore intrinseco di bitcoin:

Tramite dei bitcoin puoi accedere in scrittura alla blockchain più sicura al mondo.

Cosa intendiamo per “sicura” ? Una blockchain è tanto più sicura tanto più è forte e garantita l’immutabilità dei suoi dati.

Dal poter scrivere dei dati sulla blockchain di Bitcoin possiamo immaginare i casi d’uso più immediati che possono venirci in mente:

  1. La blockchain come strumento notarile, esempio: Prova di esistenza di un documento digitale
  2. Creazione di un token digitale scarso e quindi di valore (bitcoin come surrogato digitale dell’oro), una sorta  di “store of value”.
  3. Utilizzo del token bitcoin come valuta digitale in grado di funzionare in assenza di intermediari.

I punti 2 e 3 sono potenzialmente opinabili dai detrattori di bitcoin:

  1. Bitcoin ha valore fintanto che c’è gente che gli da un valore, non abbiamo una garanzia in senso stretto derivante dal suo semplice essere scarso.
  2. Bitcoin come valuta è limitata dal limite di 7 transazioni al secondo e dal costo elevato delle fee. (nota: questo limite potrebbe essere superato in futuro dal Lightning network)

Resta il punto 1 che è indiscutibilmente un utilizzo reale di bitcoin. In questo caso d’uso è possibile realizzare prove di esistenza di documenti: la blockchain come strumento notarile. Vediamo a grandi linee come può funzionare una prova di esistenza di un documento digitale tramite bitcoin.

Non serve (e non si deve) salvare un intero documento informatico (es. un pdf) nella blockchain ma è sufficiente calcolarne un’impronta univoca (hash function) e allegare tale impronta in una transazione bitcoin. In informatica esistono delle funzioni che dato un certo contenuto digitale (es. un file) ne calcolano un’impronta univoca: la stessa impronta può essere stata generata solo da un un unico, preciso, file. A differenza del file che può essere di dimensione qualsiasi, l’impronta generata sarà sempre una relativamente piccola sequenza di caratteri. Abbastanza piccola da poter essere allegata ad un transazione bitcoin.

Una transazione Bitcoin tipica prevede che da un indirizzo A vengano inviati dei bitcoin ad un indirizzo B, pagando al network dei minatori una fee F. Questo è il caso d’uso più banale in cui abbiamo un semplice trasferimento di valore tra due indirizzi. Due persone diverse si scambiano dei bitcoin.

Tuttavia è possibile “allegare” ad una transazione un breve messaggio di testo e il modo tipico per farlo è tramite l’utilizzo del campo op_return.

La situazione in questo caso è che da un indirizzo A vengano inviati dei bitcoin ad un indirizzo B, pagando al network dei minatori una fee F, associando alla transazione un piccolo messaggio testuale M. In questo caso gli indirizzi A e B probabilmente appartengono alla stessa persona che effettua una transazione in cui sostanzialmente non scambia valore con nessun’altro. La transazione è finalizzata a scrivere il messaggio M nella blockchain.

Nel messaggio M verrà indicata l’impronta informatica univoca del file per il quale si vuole provare l’esistenza.

La conservazione del documento resta a carico tuo (o di qualcun’altro ma non a carico della blockchain, non puoi salvarlo nella sua interezza in essa) e potrai dimostrare che tale documento esisteva sicuramente almeno a partire dalla data del blocco (ogni blocco riporta un timestamp) in cui la transazione con la sua impronta è stata inclusa. Facendo un esempio tale documento potrebbe riportare la descrizione di una tua idea e l’immagine di un tuo logo “Io Mario Rossi ho inventato questo prodotto con questo logo…”. Tramite bitcoin potresti dimostrare che avevi già ideato quell’idea e quel logo a partire dalla data del blocco in cui hai incluso l’impronta del file!

Non devi inviare bitcoin a nessuno per ottenere ciò, puoi realizzare una transazione in cui invii un importo insignificante tra due tuoi indirizzi e dovrai solo pagare la corretta fee per essere incluso in un blocco.

La fee ovviamente deve essere corposa. Essendo lo spazio sulla blockchain limitato risulta conteso e occorre pagare una fee non piccola per aggiudicarsi l’inclusione in uno dei prossimi blocchi (se inserisci una fee troppo piccola dopo un po’ la transazione viene respinta e puoi riprovare).

Il valore intrinseco di bitcoin è che si tratta di un token che permette l’accesso in scrittura alla più sicura blockchain dati del mondo.

Esistono già dei servizi di questo tipo, consiglio di cercare “Proof of existence with bitcoin”. Un sito che già implementa tutto ciò e svolge tale servizio in maniera user-friendly è https://opentimestamps.org/

Certo, ad oggi il successo di bitcoin e la stragrande maggioranza delle sue transazioni sono da ricondurre al suo utilizzo puramente speculativo (trading negli exchanger da parte migliaia di investitori retails), e l’utilizzo notarile di bitcoin rappresenta una percentuale minoritaria delle transazioni, ma questa proporzione non significa che non esista un sottostante reale!

I bitcoin non hanno una materia prima sottostante, sono essi la materia prima per scrivere sulla blockchain.